Vipiteno - EnricoRobettoPhotos

Vai ai contenuti

Menu principale:

Vipiteno

Gallerie

Italia, Trentino Alto Adige, Provincia Bolzano, il Borgo di Vipiteno (39 Foto)

Vipiteno (Sterzing in Tedesco) è un Comune situato in Alto Adige, nella Provincia autonoma di Bolzano, ad una altezza di 950 m. s.l.m. fà parte del circuito dei Borghi più belli d' Italia e a ragione, città a misura d' uomo, Vipiteno con la sua pittoresca Via Principale la Reichstrasse con i suoi elegant bovindi (Erker) dalle finestre fiorite, le case coronate di merli, le numerose caratteristiche insegne, i negozi, gli alberghi incanta per l' atmosfera, sembra una lunga sala da festeggiamenti, la torre delle Dodici, eretta nel 1469 e terminata con l’orologio e la meridiana nel 1473, al tempo in cui vi era la cinta muraria fungeva da porta della città, è stata ricostruita nella sua forma attuale dopo l’incendio del 1868, vicino alla torre è da ammirare la Jöchlsthurn, una bella residenza tardogotica, oggi Museo delle Miniere, contemporaneo alla costruzione della torre è il palazzo comunale, rifinito in seguito (1524) con l’erker poligonale d’angolo coronato di merli, notevoli all’interno le inferriate, i rivestimenti in legno e la stube gotica con la singolare lumiera (1520) a forma di donna.
La chiesa gotica di Santo Spirito (1399) faceva corpo unico con l’antico Ospedale, la navata principale ha splendidi e terrificanti affreschi quattrocenteschi di Giovanni da Brunico, la chiesa parrocchiale di Santa Maria della Palude (1417) è la più ampia del Tirolo: su coro e sagrestia gotici (1455) è stato addossato nel 1496 un vasto corpo a tre navate ultimato nel 1524, all’interno sono conservate cinque statue del prezioso altare a portelle di Hans Multscher, lo scultore ligneo più famoso in quel tempo in Germania, l’altare, che il maestro realizzò nel suo laboratorio di Ulm e che nel 1458 fu trasportato e collocato in questa chiesa di Vipiteno, rappresenta uno dei capolavori del realismo tardogotico tedesco, con evidenti riflessi sull’arte del Tirolo, basti pensare alle opere di Michael Pacher.
Le tavole dell’altare si trovano invece al museo Multscher nella Commenda dell’Ordine teutonico: la Deutschhaus, il palazzo dell’antico ordine monastico, militare e ospedaliero dei cavalieri teutonici, risale al XIII secolo e ospita oggi, oltre al museo Multscher, la scuola di musica, la chiesa tardo barocca di Santa Elisabetta (1733), la Bürgerkapelle e il museo civico, nei boschi dei dintorni, su uno spuntone di roccia, sorge l’imponente Castel Tasso (Reifenstein), menzionato già nel XII secolo, che offre all’ammirazione dei visitatori la stube gotica e la cappella. (fonte) (visualizza mappa)



 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu